Legalizzazione e Apostille

Oltre alle traduzioni giurate (asseverazioni) JUSTranslations fornisce il servizio di legalizzazione e di Apostille, evitando al cliente lungaggini burocratiche e garantendo rapidità e efficienza.

La legalizzazione e l’Apostille sono annotazioni che attestano l’autenticità di un documento e la qualifica legale dell’autorità che lo ha rilasciato. Di seguito maggiori informazioni su queste procedure.

LEGALIZZAZIONE

Cos’è la legalizzazione?

La legalizzazione di un atto è una procedura finalizzata a garantire l’autenticità al di fuori dello stato in cui il documento pubblico è stato prodotto, rappresentando pertanto un requisito fondamentale affinché un atto straniero possa produrre i suoi effetti legali in Italia e, viceversa, affinché un atto italiano possa produrre effetti legali all’estero.

In breve, attesta ufficialmente la qualifica legale del pubblico ufficiale che ha firmato l’atto e l’autenticità della sua forma. Non comporta nessun tipo di controllo né accettazione del contenuto del documento!

Cosa succede se manca la legalizzazione?

La mancanza di legalizzazione, comporta che l’atto non possa produrre effetti legali.

Da chi viene rilasciata?

La Prefettura, per delega del Ministero degli Affari Esteri, legalizza le firme su atti e documenti da e per l’estero, nel dettaglio: atti e documenti formati in Italia affinché abbiano valore all’estero e atti e documenti formati da una rappresentanza diplomatica o consolare estera residente in Italia, affinché abbiano valore in Italia. La legalizzazione degli atti firmati dai Notai, dai Funzionari di Cancelleria e dagli Ufficiali Giudiziari è di competenza del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale nella cui circoscrizione e stato sottoscritto l’atto. La legalizzazione di atti e documenti formati all’estero e da valere in Italia deve essere effettuata dalla rappresentanza diplomatica o consolare italiana presente nel Paese che ha redatto il documento.

La legalizzazione è sempre necessaria?

No. La legalizzazione non è necessaria quanto il Paese da cui proviene l’atto straniero ha aderito alla convenzione dell’Aja 5/10/1961 sulla Apostille. La legalizzazione delle firme non è necessaria per gli atti e i documenti rilasciati dalle seguenti Ambasciate e/o Consolati aderenti alla Convenzione Europea di Londra del 7 giugno 1968: Austria, Grecia, Malta, Portogallo, Svezia, Cipro, Irlanda, Norvegia, Regno Unito, Svizzera, Francia, Liechtenstein, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Turchia, Germania, Lussemburgo, Polonia e Spagna.

Per ulteriori informazioni: Prefettura, UTG Pisa

APOSTILLE

Cos’è l’apostille?

L’apostilleapostilla (originariamente dal latino a post illa dopo quelle cose, poi passata al francese apostille) è una forma semplificata di legalizzazione in vigore tra i Paesi che hanno aderito alla Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961 e sostituisce, solo fra essi, la legalizzazione. Come la legalizzazione, questa annotazione attesta la qualifica legale del pubblico ufficiale o del funzionario che ha sottoscritto l’atto nonché l’autenticità del suo sigillo o timbro. Non comporta nessun tipo di controllo né accettazione del contenuto del documento!

Cosa succede se manca l’Apostille?

La mancanza dell’Apostille, comporta che l’atto non possa produrre effetti legali.

Da chi viene rilasciata?

L’elenco delle autorità competenti all’apposizione dell’apostille per ciascuno dei sopra indicati Stati è disponibile sul sito della Conferenza de l’Aja di diritto internazionale privato. Per quanto riguarda l’Italia: per gli atti notarili, giudiziari e dello stato civile, è competente il Procuratore della repubblica presso i Tribunali nella cui circoscrizione gli atti sono formati. Per gli atti amministrativi è invece competente il Prefetto del luogo in cui l’atto è emesso (fanno eccezione la Val d’Aosta, in cui è competente il Presidente della Regione,  e le Provincie di Trento e Bolzano, per cui è competente il Commissario di Governo).

L’apostille è sempre necessaria?

No. In base alla Convenzione di Bruxelles del 1987, relativa alla esenzione dall’”Apostille” nei rapporti tra i Paesi dell’Unione Europea, non è più necessaria alcuna forma di legalizzazione dei documenti tra Italia – Francia – Belgio – Irlanda – Danimarca e Lettonia.

Quali sono i Paesi che hanno ratificato la Convenzione dell’Aja?

Consulta l’elenco completo e aggiornato sul sito internet della Conferenza dell’Aja (HCCH).

This post is also available in: Inglese